Storie di mummie, tesori e strane brigate

Dal mito dell’avventuriero, sommerso fino al collo di guai, perennemente alla ricerca di tesori nascosti o di donzelle da salvare in luoghi esotici, misteriosi e remoti, oggi un titolo videoludico targato Rebellion.

Emilio Salgari, Jules Verne e H. Rider Haggard hanno raccontato gli avventurieri. Quindi i vari La Mummia e Indiana Jones hanno consolidato l’archetipo nell’immaginario globale. E’ questo il terreno fertile su cui i ragazzi di Rebellion hanno gettato i semi per il loro nuovo titolo: Strange Brigade.

Il gioco trasuda stile da B-movie avventuroso anni ‘30 da tutti i pori, tra scenette in bianco e nero, voce narrante in stile cinegiornale e una ciurma di improbabili e bizzarri avventurieri, alle prese col risveglio di una potente quanto malvagia regina egiziana.

Il gameplay è tipico degli shooter in terza persona, senza fronzoli e molto diretto – oserei dire quasi old style – privo di sistema di copertura e con solo la capriola come mezzo per scansarci dai nemici.

Prima di iniziare la partita possiamo scegliere quale membro della “strana brigata” impersonare, il suo equipaggiamento e l’amuleto a disposizione. Quest’ultimo è un potente artefatto che, una volta caricato con le anime dei non morti caduti in battaglia, può rilasciare il suo potere distruttivo.

Strange-Brigade-1-1280x720.jpg
Tra zombie, minotauri e antiche guardie mummificate, la varietà negli scontri di certo non manca

Non è presente un vero e proprio sistema di progressione dei personaggi, tuttavia la raccolta dei manufatti frutterà dei punti spendibili per l’acquisto di nuovi amuleti. I tesori, sparsi nei vari forzieri o lasciati dai nemici, fungono da moneta per l’acquisto di nuovi armamenti ed esplosivi. Inoltre la capacità di associare delle gemme alle armi per fornirgli ulteriori bonus alla potenza di fuoco, rende piuttosto personalizzabile ogni partita.

Punti di forza di questa produzione Rebellion sono principalmente due, ma estremamente efficaci nell’intrattenere il giocatore.

Il primo sono ovviamente gli scontri a fuoco, impegnativi al punto giusto e conditi dalla possibilità di usare una vasta gamma di trabocchetti, trappole, esplosivi e tanti altri distruttivi mezzi per maciullare le orde mummificate guidate dalla regina Seteki.

maxresdefault.jpg
La brigata al completo… o quasi. nei mesi successivi al lancio verranno aggiunti nuovi personaggi tramite season pass

Il secondo punto di forza risiede nel level design e nella quantità di enigmi e puzzle che infarciscono l’intera avventura. Niente di troppo cervellotico – sia chiaro – ma spezzare la routine delle sparatorie con una moltitudine di grattacapi e di zone da esplorare ci fa sentire davvero dei novelli Indiana Jones alla scoperta di antiche reliquie e manufatti (oltretutto utili per il potenziamento delle nostre armi e amuleti).

A infiocchettare per bene tutta la produzione Rebellion ci pensa la possibilità di giocare tutte le tre modalità presenti (campagna, orde e corsa al punteggio) in compagnia di altri giocatori, fino a un massimo di quattro contemporaneamente, alzando sensibilmente il divertimento e il grado di sfida di ogni sessione.

Brutalmente onesto e sorretto da un comparto grafico non spettacolare, ma sicuramente funzionale e leggero, Strange Brigade si gioca le sue carte nella cooperazione, l’azione e l’esplorazione: non eccelle in nessuno di questi campi ma sa intrattenere molto bene, garantendo ore di divertimento supportate anche da espansioni e contenuti aggiuntivi gratuiti promessi mensilmente dagli sviluppatori.

Siamo abbastanza certi che tra qualche anno questo gioco finirà nel dimenticatoio, ma ci auguriamo che sia da insegnamento per il moderno panorama videoludico, costellato di titoli free roaming spesso monotoni o da altri fin troppo lineari e guidati: questo gioco invece ci offre livelli e non mappe aperte, rendendole però articolate, affascinanti e ricche di cose da scoprire. Insomma… ci fa sentire davvero degli avventurieri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: